Cerca

WEDDING BAG: Ventagli, Cappelli e Ombrellini


Coccolare gli ospiti durante un evento è un aspetto da non sottovalutare. Le modalità sono tante, ma negli ultimi anni è molto trendy creare per loro un Wedding Bag personalizzata ed in linea con il tema del matrimonio.

Una Wedding Bag può contenere molte cose, ma vorrei soffermarmi su 3 oggetti che ritengo particolarmente utili oltre che très chic ed intramontabili quali il Ventaglio, il Cappello e l’Ombrellino. 

Andiamo a conoscerli meglio.

Il Ventaglio trova le sue origini in Giappone, dove veniva realizzato in legno di himoki (cipresso giapponese). Successivamente, verso la fine del XII secolo, fu prodotto dai Cinesi con legno di sandalo o avorio e decorato in oro o argento. Fu solo dal XV secolo in poi che il ventaglio giunge anche in Europa divenendo accessorio di alta moda francese. Intorno alla metà del XVII secolo, l’alta maestria artigianale parigina realizza preziosi ventagli in madreperla, avorio o tartaruga, decorati con pitture a smalto e con lavori d’intaglio a rilievo.

Curiosità sull’eloquenza del linguaggio del ventaglio (da “Eva Regina - Il libro delle signore”):

- Aperto e fermo contro il petto significa “Perché non vi decidete? Il mio cuore è libero”

- Agitato lentamente vuole dire “Vi voglio bene”

- Agitato con forza “Vi amo con passione”

- Chiuso rapidamente con un colpo solo “Inutile seccarmi. Il mio cuore è impegnato”

- Chiuso lentamente, stecca per stecca, denota “Chissà? Sperate!....”

- Chiuso contro le labbra significa “Non posso amarvi”

- Passato da una mano all’altra “Vi aspetto domani”

- Tutto aperto sulla bocca “siate prudente”

- Chiuso ed abbandonato sulle ginocchia o sul parapetto del palco vuol dire “Il mio cuore è morto, non vi amo più…”.

All’interno di una Wedding Bag il ventaglio ha la funzione di rinfrescare gli ospiti durante le calde ore estive.

Il Cappello, come accessorio ornamentale del vestiario di una donna, risale alle fine del ‘700. E’ il primo sogno di vanità di ogni bambina (direi anche di ogni bambino) ed è l’ultima debolezza in età matura. Un cappello, per una donna, è complice nell’arte di acconciarsi i capelli, di mascherare qualche difetto o di esaltare qualche pregio. Un vero e proprio amico a cui annodare un nastro, un fiocco, o porre una spilla piuttosto che un velo. Un accessorio versatile, riparatore dal caldo e dal freddo.

Un cappello, per una donna, è una specie di eloquente riassunto. La scelta, di uno fra i tanti, ne rivela la personalità, oltre che il buono o il cattivo gusto.

Il cappello perfetto per una Wedding Bag è senza dubbio un panama di paglia, adornato di fiori e nastrini per le donne, e di fazzoletti e foulard per gli uomini.

L’Ombrellino è, dei tre, l’oggetto più antico (epoca a.c. dagli Egizi e babilonesi) e fa sorridere che sia stato inventato per proteggersi dal sole. Nel suo passaggio dalla Francia all’Inghilterra, tra il 1500 ed il 1700, l’ombrello assume la funzione di “parapioggia”, cosa molto probabile per il clima britannico.

Da sempre segno di nobiltà, utilizzato in primis dai reali e dignitari di corte, tra la fine dell’ ‘800 e gli inizi del ‘900 diventa un vero e proprio accessorio ornamentale femminile, decisamente grazioso ed elegante.

Se pensato per una Wedding Bag, l’Ombrellino può avere sia funzione riparatrice dal sole (d’estate) che dalla pioggia (d’inverno), ma spesso è oggetto ornamentale e scenografico di un evento, ed è per questo molto ricercato. 

Qualsiasi sia il contenuto di una Wedding Bag ricordati un aspetto fondamentale ossia la sua artigianalità, perché un oggetto artigianale è di per sé unico, come unici dovranno sentirsi gli ospiti che del giorno del tuo matrimonio potranno solo dire che “non mancava proprio nulla”.

Alla prossima.

Alessandra


12 visualizzazioni

WEDDING IS MORE Srl a Socio Unico

Via Mario De Ciccio, 7 – 80128 Napoli (Na)

+39 329 7917609 

info@weddingismore.it

P.I. 09062641213

Informazioni Legali | Privacy Policy e Cookie Policy

  • Facebook
  • Instagram